Sull’utilità della sofferenza, da paziente di me stesso. di Gianmario Gelati